I Piatti Tradizionali Natalizi

I piatti tradizionali natalizi

Mancano pochissimi giorni a Natale e sicuramente molti di voi stanno già iniziando a preparare il menù per questa importante festività. A seconda della regione, vediamo i piatti tradizionali natalizi che arricchiranno le tavole nostrane anche quest’anno.

Ogni regione ha le sue specialità. Ma a cambiare non sono soltanto le squisite pietanze che vengono cucinate in questa ricorrenza, ma anche il giorno. Infatti in alcune parti d’Italia il cenone della Vigilia, il 24 sera, è il momento più importante, in altre località il pranzo del 25 dicembre è il momento in cui ci si riunisce tutti insieme.

I Piatti Tradizionali Natalizi

I piatti tradizionali natalizi in ogni regione

L’Italia ha una lunghissima tradizione culinaria e quella legata al Natale è particolarmente sentita.

Dal Nord a Sud i piatti tradizionali natalizi sono tantissimi e per questi pasti sono previste delle regole non scritte: la sera del 24 è bene mangiare qualcosa di “magro”, in genere è a base di pesce, per prepararsi al pranzo di Natale, quello del 25, che prevede molte portate e piatti ricchi. A prescindere dalla regione, non possono mancare sulle tavolate italiane: panettone, torrone, pandoro e frutta secca.

In tutti i casi, però, i regali vanno aperti allo scoccare della mezzanotte, o la mattina della festa, dopo l’arrivo di Babbo Natale.

Al Nord solitamente la festa grande si concentra il 25 a pranzo. Uno dei piatti tradizionali natalizi valdostani tipico di questa festività è la carbonade. Si tratta di una pietanza a base di carne di manzo cotta nel vino rosso. Presenti nei banchetti natalizi anche i crostini al miele, da accompagnare con salumi di capra o pecora essiccati e aromatizzati.

I Piatti Tradizionali Natalizi

In Piemonte il Natale è sinonimo di agnolotti, ma anche di gran bollito misto, condito con salsine tra cui il bagnet ross, a base di pomodoro, cipolla e peperoncino. In Liguria non possono mancare i ravioli, di verdura o di carne, e il cappon magro, un piatto di verdure e pesce. La Lombardia porta in tavola un piatto della tradizione, l’anguilla cotta al cartoccio. In Veneto si trova l’immancabile polenta e l’immancabile baccalà lesso con le salse.

In Friuli si prepara brovada e muset, una zuppa di rape e cotechino, ovviamente la polenta, e la trippa con sugo e formaggio. Il Trentino-Alto Adige propone i classici canederli, capriolo o capretto al forno e il buonissimo strudel di mele o in alternativa lo zelten, a base di frutta secca e canditi.

Nelle regioni del Centro Italia non possono mancare tortellini e passatelli, rigorosamente in brodo, tagliatelle e lasagne, ma anche tortelli di zucca e alle erbette, e prosciutto e culatello.

Il baccalà è protagonista nelle tavole sia del Lazio che dell’Abruzzo, in pastella e fritto viene gustato sia il 24 che il 25. I piatti della vigilia nel Lazio prevedono un’abbondanza di fritto misto, di verdure e l’immancabile capitone. Nella Capitale, il 24 troviamo sicuramente la minestra di pesce. Per il pranzo del 25 si prepara l’abbacchio al forno con le patate e i tortellini in brodo, in alternativa il bollito o il tacchino. Per concludere sicuramente il torrone e tanta frutta secca.

L’Umbria, famosa per il pampepato ternano natalizio, porta in tavola tante altre ricette gustose come gli agnolotti al sugo, strangozzi, piccione o oca arrosto, ma anche il classico tagliere di salumi con prosciutto di Norcia, capocollo, lombetto, coglioni di mulo, corallina e porchetta.

L’Abruzzo ha numerose gustose specialità per Natale, dalla classica lasagna alla zuppa del pastore con verdure, uova sode e palline di carne. Per secondo l’agnello al cotturo, gli arrosticini e come dessert il parrozzo o i biscottini al cioccolato, i bocconotti.

I Piatti Tradizionali Natalizi

Il Sud Italia è famoso per i suoi pasti abbondanti e ricchi di portate, soprattutto durante le festività. I piatti tradizionali natalizi vanno dal casatiello napoletano alla pastiera (che alte regioni propongono a Pasqua).

Le regioni portano in tavola minestra di scarole, verze e cardi in brodo di tacchino, e poi baccalà lesso e pane con le mandorle. Ma anche le cime di rapa e le pettole (o pittule), che sono frittelle di pasta lievitata che si farciscono con pomodori, capperi, origano e alici, ma anche gamberi sgusciati, cime di rapa e ricotta.

Sul nostro sito trovi tanti piatti gustosi che potete prenotare o acquistare nel nostro punto vendita!

Ogni preparazione è realizzata con passione, e per soddisfare le più disparate esigenze. Ci sono tante alternative per vegetariani o intolleranti al lattosio, o per chi non ha voglia di cucinare e desidera un piatto pronto da cuocere. 

Cellini Pasta – Viale Carlo Tommaso Odescalchi, 39 – 00147 Roma

Telefono: 06.5131443
Mail: info@cellinipasta.it

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulle novità e sui piatti stagionali? Seguici sui Social!

Instagram: @cellinipasta

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *